Diritti e doveri dei cittadini: cosa prevede l’ordinamento per gli stranieri

246
Diritti e doveri dei cittadini

Diritti e doveri dei cittadini stranieri rappresentano un pilastro portante del nostro ordinamento giuridico. La Carta Costituzionale e le normative sovranazionali tutelano l’esercizio dei diritti fondamentali di tutti gli individui sul suolo italiano, a prescindere dalla cittadinanza.

 

Allo stesso tempo, l’ordinamento prevede precisi doveri civici e sociali che devono essere rispettati da chiunque soggiorni nel nostro Paese. Il rispetto delle leggi e degli obblighi di carattere fiscale e previdenziale costituiscono la base necessaria per una pacifica convivenza. Proprio perché la legge vale per tutti, anche i cittadini stranieri sono tenuti ad uniformarsi alle disposizioni e adempimenti previsti. Non sempre tuttavia risulta agevole districarsi autonomamente tra norme ed incombenze burocratiche, soprattutto quando si ha una cultura giuridica diversa.

 

Ecco perché risulta fondamentale poter contare su realtà specializzate come Dinamica Agenzia https://www.dinamicaagenziaperstranieri.it/ che fornisce assistenza qualificata agli stranieri per disbrigo pratiche, permessi di soggiorno, ricongiungimenti familiari e altri servizi mirati a facilitare l’adempimento di diritti e doveri permettendo l’integrazione nel nostro Paese nel pieno rispetto dell’ordinamento.

 

Diritti e doveri dei cittadini: partiamo dai fondamentali

I diritti e doveri dei cittadini stranieri rappresentano un punto fermo all’interno dell’ordinamento giuridico italiano. Fondamentali sono in primis i diritti fondamentali, sanciti dalla nostra Costituzione e dalle norme sovranazionali. Tra questi rientrano il diritto al lavoro, codificato dagli articoli 4 e 35 della Carta costituzionale nonché dalla Carta europea dei diritti sociali, e il correlato diritto alla casa, tutelato in ambito sociale.

 

Altro diritto imprescindibile è quello all’istruzione, sancito dall’art. 34 Cost. e dalla Carta UE, esteso a tutti i minori presenti sul territorio nazionale indipendentemente dalla cittadinanza. Di rilievo anche le libertà di espressione e religione, espressione dei diritti di libertà personali, e le garanzie processuali durante le fasi giudiziarie, che assicurano una valida tutela difensiva dei diritti.

 

Tra i diritti vi è altresì il principio di parità di trattamento e non discriminazione, volto ad assicurare a ciascun individuo pari dignità e rispetto. Tali diritti e libertà fondamentali, sanciti a livello nazionale e internazionale, devono necessariamente accompagnarsi ai doveri civici e sociali di ogni cittadino presente sul territorio italiano.

 

I doveri civici e sociali rappresentano il naturale contrappeso ai diritti garantiti. In particolare, i cittadini stranieri presenti in Italia devono rispettare l’ordinamento giuridico del Paese ospitante, assolvendo gli obblighi tributari e previdenziali, osservando le leggi in materia di lavoro e immigrazione, contribuendo alla coesione sociale attraverso il rispetto per usi e tradizioni locali. Ciò al fine di consentire un pacifico ed equilibrato esercizio dei reciproci diritti e doveri nell’ambito della comunità nazionale.

 

Doveri dei cittadini: rispetto delle leggi e delle istituzioni

I doveri dei cittadini rappresentano il necessario complemento dei diritti, assicurando il corretto equilibrio nell’ambito dell’ordinamento. Elemento cardine è il rispetto delle leggi e delle istituzioni, che costituisce la base per una pacifica e collaborativa convivenza all’interno della società. Ciò implica la conoscenza e l’osservanza del quadro normativo nazionale da parte di ogni cittadino presente sul territorio.

 

Altro obbligo imprescindibile è il pagamento delle tasse e imposte previste dalla legislazione vigente. Tale dovere fiscale e previdenziale risulta interconnesso al godimento dei servizi assicurati dallo Stato. Di rilievo infine l’impegno orientato alla tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale, beni collettivi che devono essere salvaguardati ai sensi dell’art. 9 della Costituzione. Tale articolo, infatti, tutela il patrimonio storico e artistico della Nazione, riconoscendo la necessità di conservarlo e proteggerlo nell’interesse della comunità. Tale principio implica che ogni cittadino presente in Italia, inclusi i titolari di permesso di soggiorno, debba impegnarsi per salvaguardare l’ambiente, il paesaggio e i beni culturali, che rappresentano l’eredità di cui tutti devono prendersi cura.

 

Solo attraverso il rispetto di tali doveri da parte di tutti i cittadini, ivi inclusi i titolari di permesso di soggiorno, risulta possibile garantire in modo sostenibile nel tempo l’esercizio dei correlati diritti, nell’ambito del primario principio di uguaglianza sancito dall’ordinamento in materia di diritti e doveri dei cittadini.