Ottimizzazione SEO on site e off site: tutto quello che c’è da sapere

95
ottimizzazione seo google

Tutti coloro che realizzano e gestiscono siti internet conoscono l’importanza dell’ottimizzazione SEO e i benefici che porta quando si mettono in pratica tutte le sue regole.

 

Quando si parla di ottimizzazione SEO, si intende l’insieme delle procedure che permettono a un sito di essere premiato dai motori di ricerca come Google. 

Un sito ottimizzato in maniera corretta ha maggiori possibilità di comparire tra i primi posti nei motori di ricerca quando un utente fa una ricerca su una determinata keyword. 

 

Le attività per ottimizzare pagina SEO di un sito si dividono principalmente in due grandi categorie: SEO on site e SEO off site

Una corretta seo ottimizzazione per i motori di ricerca ha bisogno della presenza di entrambe per permettere al sito di superare i competitor nel posizionamento sui motori di ricerca

 

Fanno parte della categoria della SEO on site tutte quelle attività che si svolgono direttamente sul sito web come, ad esempio, la struttura del sito web o la ricerca delle parole chiave strategiche. 

 

Con il termine SEO off side, invece, si fa riferimento all’insieme delle operazioni che si svolgono al di fuori del sito web, ma che hanno sempre l’obiettivo di migliorare il posizionamento del sito su Google. 

La link Building è una delle strategie che si utilizza maggiormente per far crescere l’affidabilità che Google ha del proprio sito. 

Questa consiste nella creazione di una rete di link in entrata da altri siti (backlink) e in uscita, ma facendo molta attenzione alla qualità dei link che arrivano dagli atri siti. 

Su www.backlinkchecker.it, ad esempio, è possibile acquistare un software che permette il controllo dei link in entrata, per evitare così la presenza di spam e altre criticità che penalizzano il posizionamento del sito. 

 

Come ottimizzare un sito seo: la SEO on site

L’ottimizzazione SEO on site include tutta una serie di attività che si svolgono direttamente sul sito. 

 

Ecco cosa fare per ottimizzare la SEO on site di un sito: 

  • Ricerca delle parole chiave o Keyword Research

La ricerca delle parole chiave è senza dubbio uno degli aspetti più importanti per l’ottimizzazione SEO. Per scegliere le giuste parole chiavi si possono utilizzare i diversi tool che si trovano online come SemRush, SeoZoom e tanti altri. 

Solitamente è sufficiente inserire l’argomento per avere un elenco delle parole chiave più cercate dagli utenti su Google. 

Le keyword si dividono principalmente in principali, secondarie e correlate, spesso sinonimi di quelle principali. 

La scelta e lo studio delle parole chiave è importante in quanto serve a intercettare le intenzioni di ricerca degli utenti su motori di ricerca. 

 

  • Struttura di navigazione del sito.

La struttura del sito web serve per comunicare a Google quelle che sono le pagine principali di un sito. Tutti gli elementi che compongono una pagina del sito e il sito stesso (come categorie, link interni, ecc.) sono quindi da posizionare secondo una logica ben precisa e curati nei minimi dettagli, secondo l’ottimizzazione testi seo.

 

L’ottimizzazione SEO WordPress on site comprende anche altri aspetti come l’ottimizzazione del Tag Title, della Meta Tag Description e dei marcatori h1, h2 e h3.  

Per avere un articolo ottimizzato seo, è importante ottimizzare anche i link interni e le anchor text che hanno la funzione di far navigare l’utente tra le varie pagine del sito. 

Ultimo aspetto della SEO ottimizzazione, ma non il meno importante, è l’aspetto Mobile friendly che permette a un sito di essere visualizzato comodamente sui dispositivi mobili. 

 

Ottimizzazione per i motori di ricerca seo: la SEO off site

Per migliorare il posizionamento di un sito, è necessario mettere in atto alcune attività che hanno come scopo principale quello di aumentare il numero di visite e quindi il ranking sui motori di ricerca. 

 

Le ottimizzazioni SEO non possono fare a meno di: 

  • Link Building. 

La Link Building consiste nella pubblicazione di un articolo su un sito (Guest Post) che tratta temi simili al proprio sito con l’inserimento di un link interno che rimanda l’utente al proprio portale. 

I siti con cui si costruiscono queste reti di link si scelgono in base alla propria reputazione e autorità per non subire penalizzazioni, ma al contrario per essere premiati da Google. 

 

  • Social Media Marketing. 

Un altro modo per aumentare il volume di traffico verso un sito è quello di creare pagine social che linkano al portale principale. 

È un lavoro che può dare molti frutti, ma che necessita di una grande organizzazione per la preparazione di contenuti, grafiche e piani editoriali. 

Un modo che aiuta senza dubbio la fidelizzazione e l’interazione diretta con clienti e utenti. 

 

La messa in pratica di queste pratiche per ottimizzare SEO permette, se svolte in maniera corretta, di migliorare il posizionamento del proprio sito sui motori di ricerca per aumentare il traffico in entrata.